Domenica 28 Maggio 2017
 
 

GAMBLING

Gioco d'azzardo problematico e patologico

Logo DPA

Azioni preventive



Le principali azioni preventive (Clark et al., 2009, McComb 2010, Blinn-Pike 2010, Grant 2010, Shead 2010, Shaffer 2010, Potenza 2011, Ariyabuddhiphongs 2011, Slutske 2012, Rahman 2012, Todirita 2012, Jimenez-Murcia 2012, Caillon 2012, Larimer 2012, Khazaal 2012) dovrebbero mirare ai singoli fattori di rischio, tenendo conto che per un’azione efficace è necessario agire sia sull’individuo ma anche sugli stimoli e sul contesto socio-ambientale.


Prevenzione selettiva rivolta ai giovani

gioco d'azzardo 2Per quanto riguarda l’individuo, la prevenzione selettiva è la forma che si è dimostrata più efficace soprattutto negli ambienti della scuola e della famiglia. Le azioni concrete consigliate sono l’early detection (individuazione precoce) delle condizioni di vulnerabilità (6 – 12 anni) e l’early detection dei comportamenti a rischio (nel momento in cui le persone cominciano a giocare). Sull’individuo è possibile anche espletare degli interventi precoci quali i training per il riconoscimento preventivo delle situazioni di rischio, il rinforzo delle funzioni di autocontrollo e di coping e la correzione delle distorsioni cognitive e delle false credenze sulle probabilità e abilità di vincita. La prevenzione selettiva precoce è giustificata anche da un’evidenza secondo cui nei bambini con età di 3 anni, dove sia presente un temperamento che manifesta una carenza di controllo caratterizzato da scarso controllo dei comportamenti e delle emozioni (Slutske 2012), vi è un aumento della probabilità di sviluppare disordini correlati al gioco d’azzardo in età adulta (21-32 anni). L’obiettivo di questo tipo di prevenzione selettiva è quindi quello di cogliere anticipatamente il deficit del controllo degli impulsi emotivi e comportamentali in giovanissima età, intervenendo tempestivamente, attraverso la diagnosi precoce del deficit prefrontale e un intervento altrettanto precoce per il potenziamento dell’autocontrollo e della regolazione emotiva e di supporto educativo alla famiglia. Si è dimostrata inoltre efficace l’azione di prevenzione specifica e precoce sulle distorsioni cognitive dei ragazzi relative al gioco d’azzardo. L’obiettivo di questa azione è quella di cambiare le credenze errate sul gioco d’azzardo (probabilità di vincita, capacità di influenzare il risultato di vincite casuali mediante riti od oggetti o abilità, ecc.).

Un’importante misura, inoltre, è quella di non utilizzare testimonial famosi soprattutto nell’ambito dello spettacolo e dello sport e attrattivi per i giovani. Una forte disapprovazione sociale, ben esplicitata, sul gioco d’azzardo come sulle altre dipendenze derivanti, ad esempio, dall’uso di sostanze, si è dimostrata efficace nel ridurre il numero di utilizzatori di questi giochi. Di conseguenza, una forte riduzione e gestione dei messaggi pubblicitari generalizzati sarà auspicabile nei prossimi anni.


gioco d'azzardoPrevenzione online

E’ possibile anche agire sugli stimoli del gioco d’azzardo diminuendo la disponibilità ambientale (riduzione del numero delle sale giochi, del numero delle slot machine e dei giochi online). è da prevedere anche una diminuzione dell’accessibilità agli stimoli soprattutto da parte dei minori (divieto di gioco prima dei 18 anni) e dotare le slot machine e i giochi che basano il loro funzionamento su apparecchi digitalici (compreso Internet) di segnali di warning e di “stop” in caso di comportamenti problematici del giocatore.
Esiste, inoltre, anche la possibilità di usare software interattivi specifici e contemporaneamente interventi di educazione emotiva e razionale (Todirita 2012). Una particolare attenzione va inoltre posta sul marketing e la pubblicità in quanto fattori di forte impatto emotivo ed in grado di influenzare fortemente le persone vulnerabili al gioco d’azzardo e a spendere forti somme per giocare. Molti studi sono stati fatti a riguardo che dimostrano questa condizione (Paternak 1999, Ladouceur 1999, Volberg 2000, Mitka 2001, Sibbald 2001,  Volberg 2002, Shaffer 2002, Korn 2003, Monaghan 2010, Binde 2005, Friend 2009, McMullan 2009, Derevensky 2010, Fried B 2010, McMullan 2010, Livingstone 2011 B, Planinac 2011, Sklar 2010).


Altre azioni preventive

Un’altra misura risultata efficace è l’uso di carte prepagate controllabili e tracciabili.

La pubblicizzazione dei punti di supporto e di aiuto per le persone che presentano disturbi di gioco d’azzardo problematico è un’altra misura da prevedere per evitare la progressione a gioco patologico.

Infine, è necessario ricordare che esistono alcuni farmaci specifici in grado di incentivare il gioco d’azzardo e, pertanto, sarebbe opportuno indicare esplicite avvertenze sui foglietti illustrativi di questi farmaci e sostanze varie.

Il meccanismo fisio-patologico dei danni da pubblicità del gioco d’azzardo viene particolarmente esacerbato da quella pubblicità generalizzata che utilizza immagini e situazioni fortemente evocative, ingannevoli (sulla base anche delle leggi della probabilità di vincita) e figure di opinion leader oltre che di soluzione di tutti i problemi sociali e di vita del giocatore. La figura successiva riporta in sintesi tale meccanismo.


Fig. 38 - Meccanismo fisio-patologico dei danni da pubblicità del gioco d’azzardo. Serpelloni, 2012.

fig 99



Bibliografia

  • Ariyabuddhiphongs V. Before, during and after measures to reduce gambling harm. Addiction. 2011 Jan; vol. 106(1) pp. 12-3; discussion 13-4.
  • Binde P. Gambling, exchange systems, and moralities. J Gambl Stud. 2005 Winter;21(4):445-79.
  • Blinn-Pike L, Worthy SL, Jonkman JN. Adolescent gambling: a review of an emerging field of research. J Adolesc Health. 2010 Sep; vol. 47(3) pp. 223-36.
  • Caillon J, Grall-Bronnec M, Bouju G, Lagadec M, Vénisse JL. [Pathological gambling in adolescence]. Arch Pediatr. 2012 Feb; vol. 19(2). pp. 173-9.
  • Clark et al., Gambling Near-Misses Enhance Motivation to Gamble and Recruit Win-Related Brain Circuitry, Neuron. 2009 February 12; 61(3): 481–490.
  • Derevensky JL, Shek DT, Merrick J. Adolescent gambling. Int J Adolesc Med Health. 2010 Jan-Mar;22(1):1-2.
  • Friend A, DeFries JC, Olson RK, Pennington B, Harlaar N, Byrne B, Samuelsson S, Willcutt EG, Wadsworth SJ, Corley R, Keenan JM. Heritability of high reading ability and its interaction with parental education. Behav Genet. 2009 Jul;39(4):427-36. Epub 2009 Mar 19.
  • Jimenez-Murcia S, Aymamí N, Gómez-Peña M, Santamaría JJ, Alvarez-Moya E, Fernández-Aranda F, Granero R, Penelo E, Bueno B, Moragas L,
  • Khazaal Y, Chatton A, Billieux J, Bizzini L, Monney G, Fresard E, Thorens G, Bondolfi G, El-Guebaly N, Zullino D, Khan R., Effects of expertise on football betting, Subst Abuse Treat Prev Policy. 2012 May 11;7(1):18.
  • Korn D, Gibbins R, Azmier J. Framing public policy towards a public health paradigm for gambling. J Gambl Stud. 2003 Summer;19(2):235-56.
  • Ladoucer R., Jacques C., Ferland F. et al. Prevalence of problem gambling a replication study 7 years later. Can J Psychiatry 44: 802-804, 1999.
  • Ladouceur, R., Boudreault, N., Jacques, C., & F. Vitaro. (1999) “Pathological gambling and related problems among adolescents”. Journal of child and adolescent substance abuse 8:55-68.
  • Larimer ME, Neighbors C, Lostutter TW, Whiteside U, Cronce JM, Kaysen D, Walker DD. Brief motivational feedback and cognitive behavioral interventions for prevention of disordered gambling: a randomized clinical trial. Addiction (Abingdon, England). 2011 Dec 21.
  • Livingstone C, Adams PJ. Harm promotion: observations on the symbiosis between government and private industries in Australasia for the development of highly accessible gambling markets. Addiction. 2011 Jan; vol. 106(1) pp. 3-8.
  • McComb JL, Sabiston CM. Family influences on adolescent gambling behavior: a review of the literature. J Gambl Stud. 2010 Dec; vol. 26(4) pp. 503-20.
  • McMullan JL, Miller D. Wins, winning and winners: the commercial advertising of lottery gambling. J Gambl Stud. 2009 Sep;25(3):273-95. Epub 2009 Feb 25.
  • Mitka M. Win or lose, Internet gambling stakes are high. Jama 285: 1005-2001.
  • Monaghan S, Blaszczynski A. Electronic gaming machine warning messages: information versus self-evaluation. J Psychol. 2010 Jan-Feb;144(1):83-96.
  • Monaghan S, Blaszczynski A. Impact of mode of display and message content of responsible gambling signs for electronic gaming machines on regular gamblers. J Gambl Stud. 2010 Mar;26(1):67-88.
  • PasternaK AV, Fleming MF. Prevalence of gambling disorders in a primary care setting. Arch. Fam. Med. 8: 515-520, 1999.
  • Planinac LC, Cohen JE, Reynolds J, Robinson DJ, Lavack A, Korn D. Lottery promotions at the point-of-sale in Ontario, Canada. J Gambl Stud. 2011 Jun;27(2):345-54.
  • Potenza MN, Wareham JD, Steinberg MA, Rugle L, Cavallo DA, Krishnan-Sarin S, Desai RA. Correlates of at-risk/problem internet gambling in adolescents. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry. 2011 Feb; vol. 50(2) pp. 150-159.e3.
  • Rahman AS, Pilver CE, Desai RA, Steinberg MA, Rugle L, Krishnan-Sarin S, Potenza MN. The relationship between age of gambling onset and adolescent problematic gambling severity. Journal of psychiatric research. 2012 Mar 10.
  • Shaffer HJ, Kidman R. Gioco d’azzardo patologico e sistema sanitario, in Il Gioco d’azzardo patologico Grant JE, Potenza MN, Springer. 2010.
  • Shaffer HJ, LaBrie RA, LaPlante DA. et al. The Iowa Department of Public Health gambling treatment services: For years of evidence (Technical report n. 101102-200). Boston, MA, Harvard Medical School, 2002
  • Shead NW, Derevensky JL, Gupta R. Risk and protective factors associated with youth problem gambling. Int J Adolesc Med Health. 2010 Jan-Mar; vol. 22(1) pp. 39-58.
  • Sibbald B. Casinos bring ill fortune, psychiatrists warn. CMAJ 164: 388, 2001.
  • Sklar A, Gupta R, Derevensky J. Binge gambling behaviors reported by youth in a residential drug treatment setting: a qualitative investigation. Int J Adolesc Med Health. 2010 Jan-Mar;22(1):153-62.
  • Slutske WS, Moffitt TE, Poulton R, Caspi A. Undercontrolled Temperament at Age 3 Predicts Disordered Gambling at Age 32: A Longitudinal Study of a Complete Birth Cohort. Psychological science. 2012 Mar 28.
  • Todirita IR, Lupu V. Gambling Prevention Program Among Children. Journal of gambling studies / co-sponsored by the National Council on Problem Gambling and Institute for the Study of Gambling and Commercial Gaming. 2012 Feb 8.
  • Volberg RA. Gambling and problem gambling among adolescent in Nevada Department of Human Resources 2001. Available at: http://www.geminiresearch.com, accessed May 13, 2002.
  • Volberg RA. The future of gambling in the United Kingdom. BMJ. 2000 Jun 10;320(7249):1556.