Mercoledí 20 Settembre 2017
 
 

GAMBLING

Gioco d'azzardo problematico e patologico

Logo DPA

Corso di formazione nazionale GAP 2013



gioco d'azzardo
Il Dipartimento Politiche Antidroga ha attivato un percorso formativo rivolto agli operatori di tutto il territorio nazionale, per orientare i sistemi regionali di risposta in modo adeguato, fornendo strumenti concreti e indicazioni metodologiche univoche finalizzate da un lato ad una corretta gestione clinica delle persone affette da GAP, dall’altro ad una corretta raccolta, elaborazione ed interpretazione dei dati per lo sviluppo di specifiche linee di ricerca su tale problematica.

I materiali formativi elaborati, utilizzabili da ogni Regione per realizzare corsi di formazione per gli operatori dei servizi pubblici territoriali, sono basati sulle evidenze scientifiche per quanto riguarda la prevenzione, la cura e la riabilitazione.




Di seguito i dettagli del corso che si è svolto il 3-4-5 luglio a Roma.


Date 3-4-5 luglio 2013
Sede Roma Casa dell’Aviatore, Viale dell’Università, 20
Numero di partecipanti Da 2 ad un massimo di 5 per ciascuna Regione e PA aderente al progetto.

Il numero è stato definito in funzione del numero di servizi presenti sul territorio regionale.
è prevista la partecipazione di ulteriori 3 persone (al massimo) in qualità di uditori per ciascuna Regione e PA.

Potranno partecipare al corso professionisti con esperienza in materia di gioco d’azzardo patologico e di formazione.

Le Regioni non aderenti al Progetto GAP potranno far partecipare al massimo 3 persone in qualità di uditori.
Accreditamenti ECM Educazione Continua in Medicina
Contenuti principali • Inquadramento ed epidemiologia del fenomeno

• Diagnosi clinica e riabilitazione

• Organizzazione dei servizi e monitoraggio



Scarica la brochure informativa

Scarica l'estratto del progetto GAP

Scarica il programma del corso di formazione

Scarica tutte le diapositive didattiche



DIAPOSITIVE DIDATTICHE



Prima giornata: inquadramento ed epidemiologia del fenomeno

Introduzione al corso - G. Serpelloni

Epidemiologia del gioco d’azzardo: dati nazionali e internazionali - R. Mollica

Dati finanziari collegati al fenomeno - R. Mollica

Fattori di vulnerabilità e resilienza: percorsi evolutivi - G. Serpelloni

Neuro-fisio-patologia e alterazione dei processi cognitivo-emozionali: evidenze dalle neuroscienze - G. Serpelloni


Seconda giornata: diagnosi, clinica, terapia e riabilitazione

Tecniche di outreach per i giocatori d’azzardo - G. Serpelloni

Strumenti per l’inquadramento diagnostico e la valutazione -  D. Capitanucci

Aspetti clinici generali del gioco d’azzardo patologico - G. Serpelloni

Terapia cognitivo-comportamentale e metacognizione - G. Zanardi

Gruppi di auto-mutuo aiuto e terapia sistemico-relazionale - D. Capitanucci

Gambling e comorbidità - G. Carrà

Supporto farmacologico - G. Carrà


Terza giornata: organizzazione dei servizi e monitoraggio

Il fenomeno dell’usura - A. Simeone

Organizzazione dell’offerta del servizi - G. Serpelloni

Strumenti per il monitoraggio e la gestione dei dati - M. Gomma

Reportistica standard per la descrizione del fenomeno - B. Genetti




Modelli standard raccolta dati per gioco d'azzardo:

- Schede di rilevazione dati aggregati

- Flusso dati per singolo soggetto