Mercoledí 20 Settembre 2017
 
 

GAMBLING

Gioco d'azzardo problematico e patologico

Logo DPA

Dati finanziari



Il gioco d’azzardo genera un forte flusso finanziario in entrata al Monopolio di Stato e ai concessionari/gestori con una elevata quota che viene ripartita tra i vari vincitori (pay out). La Tabella successiva riporta l’andamento del flusso economico 2005-2011 e le percentuali di ripartizione tra pay out, entrate erariali, uscite una tantum, concessionari/gestori. Come è possibile osservare, la quota percentuale delle entrate erariali ha subito un forte decremento passando dal 21,8% al 10,9% (anche se in termini assoluti si è passati dai 6,2 miliardi di euro agli 8,7). Per contro, la quota percentuale dei concessionari è passata dal 15,1% del 2005 al 12,2% del 2011. In valori assoluti, si è passati da 4,3 miliardi di euro a 9,7 miliardi.


Tab. 4 - Andamento del flusso economico 2005-2011 legato al gioco d’azzardo e le percentuali di ripartizione tra pay out, entrate erariali, uscite una tantum, concessionari/gestori in Italia. Fonte: Comunicati AAMS.
 
VALORI ASSOLUTI (mil €) 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011
Pay-out 18.000 23.000 29.000 32.600 37.600 44.000 61.500
Entrate erariali 6.200 6.700 7.200 7.700 8.800 8.700 8.700
Una-tantum



600 1.200
Concessionari/Gestori 4.300 5.500 6.000 7.200 7.400 7.600 9.700
Raccolta totale 28.500 35.200 42.200 47.500 54.400 61.500 79.900
Quota al netto delle entrate erariali 22.300 28.500 35.000 39.800 45.000 51.600 71.200

RIPARTIZIONE (mil €) 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011
Pay-out 63,2% 65,3% 68,7% 68,6% 69,1% 71,5% 77,0%
Entrate erariali 21,8% 19,0% 17,1% 16,2% 16,2% 14,1% 10,9%
Una-tantum 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 1,1% 2,0% 0,0%
Concessionari/Gestori 15,1% 15,6% 14,2% 15,2% 13,6% 12,4% 12,1%
Quota al netto delle entrate erariali 78,2% 81,0% 82,9% 83,8% 82,7% 83,9% 89,1%


La maggior parte delle quote in entrata dei giochi d’azzardo riguarda le slot machine (56,3%); secondariamente, le lotterie (12,7%), e quindi i giochi a distanza (10,5%).

Fig. 5 - Distribuzione della tipologia di gioco d’azzardo in Italia (percentuale). DPA, 2011.

fig 99

Nel 2011, è stato registrato un forte investimento in denaro da parte dei giocatori, con importanti differenze tra le singole Regioni. Le tre Regioni che, nell’ordine, hanno speso di più in termini assoluti in gioco d’azzardo sono state la Lombardia (14,8 miliardi), il Lazio (9,1 miliardi) e la Campania (8,9 miliardi). Mentre quelle meno impegnate nel gioco d’azzardo sono la Basilicata, il Molise e la Valle d’Aosta.


Fig. 6 - Distribuzione del denaro speso in termini assoluti (euro) in gioco d’azzardo per Regione. DPA, 2011.

fig 99


Se si valuta, però, il denaro giocato pro capite, considerando la popolazione maggiorenne, nel 2011, le quattro regioni che hanno un maggior indice di spesa sono la Campania, il Lazio, l’Abruzzo, la Lombardia. Mentre quelle con valori più bassi sono Sardegna, Sicilia, Basilicata, Calabria.


Fig. 7 - Distribuzione del denaro speso pro capite (euro) in gioco d’azzardo per Regione. DPA, 2011.

fig 99